Prima recensione su Il gusto della vita

perRecensione

C’è qualcosa, il questo piccolo libro, che ti impedisce di separartici, anche solo per un’ora, anche solo per una breve passeggiata. Un senso di urgenza, di incombenza, di fatalità ti costringe a tenere lo sguardo fisso su questa prosa semplice ma raffinata che, con una rara brillantezza, ti accompagna in un percorso che è un po’ il padre, anzi il capostipite, di ogni percorso.
E ci rimani attaccato perché percepisci che qui dentro, in questo piccolo libro, stanno succedendo cose importanti, e tu devi stare lì, insieme a lei, alla delicata ma tenace Laura, a resistere, a inseguire il cane-samurai, a tagliuzzare la cipolla, a far marinare il cinghiale, a “impiattare” il tutto, a cercare di rimettere insieme pezzi diversi tra loro, che sfuggono ma che in qualche modo possono, devono, trovare un’armonia: un modo giusto, “saporito”, di stare insieme.
C’è un padre che non c’è più. Un padre gigantesco, forte, roccioso, saggio, un cardine nel vero senso del termine: testimone della storia di una famiglia, di una comunità, simbolo di un “tempo”. E poi ci son loro, le donne di casa, madre, figlia e zia. Sballottate da questo cataclisma ma che, per una sorta di inerzia attiva, affrontano insieme ma ciascuna a modo suo la situazione.
E c’è il vuoto. Un vuoto abissale.
Da riempire, in qualche modo, con pazienza, pezzo dopo pezzo, ma con arte, con “gusto”, altrimenti non funziona, altrimenti il vuoto non se ne va. Ci vuole cura, ci vuole la giusta miscela tra il nostro e l’altrui, tra l’uguale e il diverso, tra la tradizione e la fantasia, tra il dolce e il salato.
Ci vogliono radici, radici forti, che ti impediscano di piegarti troppo, che poi magari finisci per spezzarti, ma ci vuole anche qualcos’altro.
Questo libro, piccolo ma smisurato se ci si prende un po’ di tempo per coglierne la simbologia, è tutto un rincorrere questo qualcos’altro.
Un rincorrere che è però non ha niente a che fare con un inseguimento spasmodico, è più un lento e sofferto studio dei particolari, un’amorevole serie di gesti densi e pregnanti perché, si ha questo sentore, è la qualità della ricerca stessa che poi ci regala il senso.
Tutto questo mentre, e quando te ne accorgi sei già bello che fregato, vieni avvolto come con la più morbida delle coperte dai luoghi, dagli odori, dai sapori, dall’amore e dall’indissolubile legame con un contesto sociale ed umano che traspare armoniosamente e che regala solidità, potenza visiva, a tutto l’impianto narrativo. Lo senti il profumo della terra bagnata, lo senti il crepitio delle foglie secche sotto i piedi, lo senti e lo vivi come se tu fossi lì, insieme ai protagonisti, durante le loro passeggiate o i loro momenti dove la casa, il cibo, la reciprocità, si uniscono a formare un cerchio perfetto.
Dovete essere affamati, ha detto qualcuno. Questo libro ci spiega che la fame non basta, ci vuole misura, disciplina, amore per quello che si fa. E poi rispetto per chi c’era prima, la volontà e l’orgoglio di percepirsi come un’avventura iniziata da altri, e la consapevolezza di avere qualcosa da tramandare. Perché quello che siamo è e deve essere una sintesi di ciò che facciamo, e ciò che facciamo non è mai tutta opera nostra, e non deve essere mai semplicemente per noi stessi.
Insomma, questo è un libro che ha tanto da regalare, fatevi un favore, leggetelo.

Guido Carcangiu, lettore

Annunci

2 thoughts on “Prima recensione su Il gusto della vita

  1. condivido in pieno quanto scritto dal Guido Carcangiu, l’ho letto tutto d’un fiato, senza riuscire a smettere, sino all’ultima pagina, e nelle pagine che si susseguivano mi rivedevo bambina con molti aspetti della vita simili a quelli di laura, riconoscevo nelle parole della zia, le parole di qualche mia zia, la ricerca delle radici, il gusto dei prodotti buoni e naturali che madre terra ci regala.
    Ara Mariangela, lettrice

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...